Email marketing automation, Newsletter e DEM: differenze e significato.

Email marketing automation, Newsletter e DEM: differenze e significato.

Email marketing automation, newsletter e DEM non sono tre sinonimi. Ci siamo resi conto che c’è molta confusione in materia ed è per questo che abbiamo deciso di spiegare meglio le differenze e i significati di queste tre terminologie che, sempre più spesso, vengono utilizzate per indicare il semplice invio di messaggi di posta elettronica.


Che cos’è l’email marketing automation?

Spesso si parla di email marketing automation facendo riferimento all’invio automatico di mail, ma questa è solo una versione semplicistica dell’argomento. Con questa tecnica di email marketing è possibile creare degli automatismi per cui, al verificarsi di determinate condizioni, è possibile inviare una mail in modo automatico.

Questo non solo consente di ottimizzare i tempi di lavoro, ma anche di andare a colpire con mail personalizzate un gruppo di persone specifiche, proponendo loro il giusto messaggio.

L’email marketing automation è spesso utilizzata per fare lead nurturing. Questa attività consiste nell’inviare specifici messaggi con contenuti studiati ad hoc come video, webinar o pdf informativi a persone che dimostrano un certo interesse grazie allo scattare di un determinato evento, detto trigger, che fa partire il flusso di automatismi pianificato. In questo modo è possibile creare un funnel all’interno della lista contatti, andando dal contenuto più generico a quello più specifico per trasformare i lead in prospect e poi in clienti.


Come puoi utilizzare l’email marketing automation con i tuoi lead?




  • - Puoi mandare mail con consigli e suggerimenti alle persone che si iscrivono,
  • - Puoi inviare auguri personalizzati e doni in ricorrenze specifiche come il compleanno,
  • - Puoi ricontattare le persone che hanno abbandonato il carrello.

Questi sono solo alcuni esempi, puoi decidere tu il tuo flusso e contattare i tuoi lead e clienti nel momento che ritieni più opportuno.

Adesso è facile capire perché impostare in modo adeguato questi automatismi può fare davvero la differenza per il raggiungimento dei tuoi obiettivi

Ci sono diverse piattaforme che possono aiutare i professionisti a creare questi automatismi e noi utilizziamo Sendinblue, un tool davvero efficace. Per ottenere gli obiettivi desiderati non serve solo uno strumento in grado di agevolare questi flussi; bisogna pianificare, misurare ed analizzare tutti i passaggi.

Ora che abbiamo capito che cosa si intende con e-mail marketing automation è bene chiarire altri due concetti, spesso confusi e utilizzati come sinonimi: newsletter e DEM.


Che cos’è la newsletter e quando utilizzarla?




La newsletter, come dice già la traduzione del termine, è l’invio di materiale informativo.
 Questo tipo di messaggio di posta elettronica viene utilizzato principalmente per due motivi: fare branding e quindi aumentare il ricordo, la consapevolezza e l’autorevolezza di un marchio; ma anche per fare lead nurturing e quindi coltivare un legame con le persone iscritte proponendo contenuti utili. In generale possiamo affermare che il fine ultimo delle newsletter non è la vendita, ma l’informazione.

Queste mail vengono inviate a persone che si sono iscritte alla newsletter e questa iscrizione solitamente avviene tramite la compilazione di un modulo, oppure tramite tecniche di lead magnet, ovvero tutte quelle tecniche che vedono l’invio di materiale utile come e-book, webinar e in generale materiale extra in cambio del rilascio del contatto.


Quante newsletter inviare?

Non esiste un numero prestabilito di newsletter da inviare, puoi decidere di inviarne una alla settimana, due al mese o quante ne vuoi. L’unico consiglio che ti vogliamo dare è quello di non cadere nell’eccessività: troppe newsletter possono infastidire l’utente portandolo alla disiscrizione, ma allo stesso tempo poche mail possono farti dimenticare. Bisogna trovare un giusto equilibrio che dipenderà sia dal tuo settore di riferimento e da quante notizie utili hai effettivamente da comunicare, sia dal tasso di coinvolgimento e di apertura delle tue newsletter.

Fai qualche test e poi crea il tuo calendario editoriale.


Che cos’è la DEM e quando utilizzarla?





DEM è l’acronimo di Direct Email Marketing e fa parte delle più tradizionali strategie di marketing volte alla vendita diretta. La DEM infatti è una mail che viene inviata a scopo commerciale, per invitare all’acquisto. 

Non è necessario stilare un calendario editoriale, i messaggi commerciali possono infastidire il pubblico ottenendo così il risultato inverso a quello desiderato.

Gli obiettivi delle DEM sono più concreti, vengono utilizzate per spingere alla vendita e fare up-selling o cross-selling.


Ora che hai capito la differenza tra newsletter e DEM forse ti starai chiedendo quale è meglio per utilizzare ma, anche qui, non c’è una risposta univoca. 
Sono tanti i fattori che influiscono sulla scelta, ma in generale è sempre bene utilizzarle entrambe nel modo corretto: potresti attuare una strategia di newsletter per maniere caldo il tuo pubblico e per scaldare quello nuovo, appena iscritto, e poi utilizzare le DEM al momento giusto per aumentare le tue conversioni.


Ti sarà ben chiaro adesso che mettere in piedi una strategia di email marketing non è così semplice ed immediato: bisogna determinare obiettivi, definire il target ed avere anche una chiara strategia di contenuti davvero utili per il pubblico.


Se stai pensando di pianificare la tua nuova strategia di email marketing contattaci per una consulenza gratuita.