PIANO EDITORIALE: COS’É, COME SI FA E QUALI SONO I SUOI VANTAGGI

PIANO EDITORIALE: COS’É, COME SI FA E QUALI SONO I SUOI VANTAGGI

Comunicare la tua azienda in modo efficace richiede diverse competenze e innumerevoli strumenti.
Se vuoi gestire in modo professionale l’attività social della tua azienda, il piano editoriale o social media plan è uno degli strumenti che devi necessariamente conoscere.


Partiamo dalle origini: cos’è un piano editoriale?
Il piano editoriale non è altro che un documento, cartaceo o digitale, utile a pianificare e programmare la pubblicazione dei contenuti sui diversi canali che hai deciso di utilizzare.

Non sottovalutare l'importanza e la difficoltà di un piano editoriale dettagliato e ben strutturato.


 Prima di redigere il piano editoriale relativo all’attività social della tua azienda infatti ci sono alcune pratiche indispensabili di cui devi occuparti:

  1.  Analisi dell’azienda: prima di iniziare a pianificare le pubblicazioni è importante capire quali sono i punti di forza, le debolezze, le opportunità e le minacce del tuo business. Dopo un’accurata SWOT Analysis saprai infatti in che modo valorizzare il tuo prodotto o servizio e quale tone of voice utilizzare.

  2. Target: creare contenuti ad hoc per il tuo pubblico di riferimento è possibile solo se questo pubblico effettivamente lo si conosce. Individuare il target interessato alla tua attività ti permette di definire con maggior precisione le caratteristiche, visual e copy, dei contenuti da pubblicare sui canali che hai deciso di utilizzare.

  3. Obiettivi: se non ti è chiaro il traguardo che vuoi raggiungere, forse non dovresti proprio partire! Pubblicare sui social non è un esercizio fine a se stesso, i tuoi contenuti devono essere orientati all’obiettivo, dunque prima di iniziare, chiediti dove vuoi arrivare. Il tuo obiettivo è vendere, creare una community o fare brand awareness e lavorare sulla credibilità e notorietà del brand?

  4. Competitors: se è vero che il giardino del vicino è sempre più verde, forse cercare di capire cosa ha fatto il vicino per ottenere quei risultati non è così sciocco. Nel bene e nel male, individuare linguaggi e strategie, di successo o completamente fallimentari, nel settore nel quale vogliamo esporci, è una procedura la cui rilevanza non è da trascurare.

 Ora che hai preparato il terreno per i contenuti che andrai a pubblicare, non ti resta che entrare in azione pianificando il tuo calendario editoriale.


  • I dati da inserire all’interno del tuo documento variano a seconda della piattaforma di destinazione e dalla tipologia dei contenuti, ma ce ne sono alcuni che non dovrebbero mancare nel tuo social media plan:
    Argomenti da trattare
    Data di consegna del materiale
    Data di pubblicazione
    Ruoli per la realizzazione del contenuto
  • Visual, immagine o video
  • Copy
  • Tag
  • Hashtag

Stai ancora cercando solide motivazioni per iniziare a lavorarci?
Un social media plan ben strutturato non ti permette solo di mantenere costante la frequenza di pubblicazione, ma anche di garantire la qualità di ogni contenuto.
Arrivare il giorno stesso della pubblicazione a dover preparare il post in questione non è il modo migliore per curare in ogni dettaglio quello che vuoi comunicare.

Stare al passo con date ed eventi di rilevanza per la tua attività, da Pasqua, Natale, fino ad esempio al Giorno della Terra (interessante nel caso di un brand sostenibile), è un altro dei vantaggi di una pianificazione attenta, che richiede infatti un costante aggiornamento su ciò che accade quotidianamente a livello settoriale, nazionale e mondiale.

Per concludere, che tu debba curare il profilo Instagram, Facebook, Linkedin, una Newsletter o un Blog, pianificare i contenuti con il supporto di una social media plan è esattamente quello che devi fare!

Inizia subito a mettere in pratica quanto appreso dal nostro articolo.
Dubbi e chiarimenti? Contattaci per una consulenza e per un’analisi dettagliata del tuo business!