Tra live streaming e hashtag nel web

Fino alla cerimonia di chiusura del 21 agosto le Olimpiadi saranno l'evento più seguito, commentato e discusso dai media tradizionali e 2.0.


Mentre l'Ufficio Stampa della Rai dichiara gli "Ascolti Olimpici" registrati domenica 7 agosto - quasi 4 milioni spettatori su Rai2 e uno share del 21.12 - Google si trasforma da contenitore a creatore di contenuti su Rio 2016.
Il motore di ricerca è stato ottimizzato per fornire risultati immediati che si trovano in cima alla lista, vittoriosi su tutti gli altri articoli delle innumerevoli testate online che cavalcano il trend del momento. Basta un clic per essere indirizzati alla pagina Google dedicata ai "Giochi Olimpici Rio 2016" suddivisa in: Panoramica, Sport, Calendario, Atleti, Medaglie e Paesi. La presenza di Google a Rio passa anche per YouTube e Street View. Il Big G ha inviato sul posto ben 15 YouTuber di livello internazionale per i live streaming e i suoi trekker esplorano, con fotocamera a 360°, tutto il villaggio olimpico per mapparlo e renderlo navigabile a chi segue l'evento dal divano.
News Google
Nel frattempo Twitter lancia 250 hashtag ufficiali capitanati da #Rio2016 e diventa il "salotto" incisivo dove tutto viene commentato partendo proprio dai protagonisti, per poi estendersi all'opinione pubblica. Pensate che il 9 agosto l'hashtag più popolare in Italia sul tema è stato #Renziportasfiga (5.480 tweet, fonte: http://bit.ly/BreakingNewsHashtag ). Per fortuna i cinguettii inseguono gli eventi e ben presto quelli sarcastici/polemici sono stati sostituiti da altri ben più lieti. A noi ha fatto sorridere il tweet - con tanto di call to action , "chiamata all'azione" - di Luca Fois, uno degli autori del blog satirico spinoza.it: "Fate gli screenshot al medagliere olimpico perché un giorno qualcuno negherà che eravamo secondi tra Usa e Cina #RioOlympics2016 #Rio2016". E ora le foto del medagliere rimbalzano di continuo, ma al momento l'Italia è quarta.
Vi starete chiedendo cosa risponde Facebook. Anche il social network più popolare ha introdotto delle novità dedicate all'evento, ma decisamente defilate. La possibilità di personalizzare la propria immagine del profilo con i colori della nazionale scelta, grazie a FB Frame, oppure di pitturarseli digitalmente in volto con Masquerade. Basta poi cliccare lo speciale "saluto" mattutino per essere indirizzati verso i contenuti dedicati (live, post e conversazioni). E Instagram? Copia Snapchat e per Rio 2016 - con qualche giorno di anticipo - lancia la funzione Instagram Stories che riprende il concetto dei contenuti "fantasma", ossia destinati all'oblio dopo 24 ore.
Noi che l'evento lo seguiamo con l'ottica degli "addetti ai lavori", abbiamo immaginato il medagliere social: l'oro è per Google, segue Twitter con un meritato argento e Facebook-Instagram prendono il bronzo. Ovviamente ci aspettiamo colpi di scena nei prossimi 10 giorni perché queste Olimpiadi sono ad oggi le più social di tutte!