OrangePix vola a Lisbona per il Web Summit

La più grande conferenza tecnologica torna nella capitale portoghese: oltre 1000 ospiti, 1600 startup, 2500 giornalisti, 60 mila spettatori, 1500 investitori in cerca di nuove realtà sulle quali puntare. E nomi come Al Gore, Brian Krzanich di Intel, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. E, a sorpresa, interviene anche l’astrofisico Stephen Hawking.


I partecipanti al Web Summit passano dai 50.000 del 2016 ai 60.000 di questa edizione, provenienti da più di 170 paesi. Fra i 1200 speaker che si alterneranno sul palco della Meo/Altice Arena spiccano nomi importanti dell’economia e della politica, come Al Gore, la commissaria europea per la concorrenza Margrethe Vestager, il Segretario Generale delle Nazioni Uniti António Guterres e l’ex Presidente Francese François Hollande. Aziende tecnologiche innovative e blue chip saranno rappresentate equamente da Stewart Butterfield (CEO di Slack), Steve Huffman (CEO di Reddit), Sean Rad (co-fondatore e presidente dell’Appdi incontri Tinder), Gillian Tans (CEO di Booking.com), Mark Hurd (CEO di Oracle), Brian Krzanich (CEO di Intel), Werner Vogels (CTO di Amazon) e Brian Smith (Presidente di Microsoft). 

“Companies

Il Web Summit è una conferenza tecnologica che si tiene ogni anno dal 2009, e per il secondo anno consecutivo si tiene a Lisbona. Tra i temi al centro del confronto in questi giorni ci sono:
- Quanto costa la libertà nell’informazione online;
- Come restare autorevoli nell’economia dell’attenzione;
- Indipendenza ed etica della professione nell’era della stampa digitale;
- Come trovare la verità nel caos;
- Viralità e voracità: le sfide più grandi dei media oggi;
- Come riconoscere le notizie false;
- Come monetizzare i contenuti online.

“Stephen

Speaker d’eccezione per l’edizione 2017 del Web Summit Stephen Hawking, che ha tenuto un discorso chiave sull’intelligenza artificiale e sul suo ruolo sul futuro della società,  attraverso un contributo video mandato in onda ieri sera durante la serata di apertura di Web Summit. Il professor Hawking è stato invitato da Nuno Sebastiao, CEO di Feedzai, azienda AI specializzata nella prevenzione delle frodi. «Non possiamo prevedere quali obiettivi raggiungeremo grazie all’Intelligenza artificiale» ha dichiarato Hawking «ma è chiaro che ogni aspetto della nostra vita sarà trasformato. Nonostante ci siano dei rischi riguardo il suo utilizzo, sono ottimista. Bisogna semplicemente essere consapevoli dei pericoli, identificarli, e saperli gestire in anticipo».
E rivolgendosi alla platea ha aggiunto: «Avete il potere di superare i confini, andare oltre ciò che ci si aspetta, pensare in grande. Siamo sulla soglia di un nuovo mondo coraggioso. È un posto eccitante, anche se precario, e tu sei il pioniere».

“ISizeYou

Sotto i riflettori in questa edizione del Web Summit anche ISizeYou, si tratta di una tecnologia accessibile tramite una App ed un modulo PrestaShop, che permettono di raccogliere le misure corporee fondamentali per creare un profilo virtuale, e di utilizzarlo nella comparazione delle taglie e nella ricerca del fit migliore. Il team di I-Deal, usando algoritmi matematici ed intelligenza artificiale, ha sviluppato un metodo per effettuare il matching tra la taglia indicata sull’etichetta del capo in vendita e le misure del cliente in carne ed ossa. Noi abbiamo curato lo sviluppo e la progettazione grafica, mettendo a fuoco l’utilizzo dell’applicazione lato utente. Piacenza Cashmere ha fatto da banco di prova durante la scorsa stagione Autunno/Inverno, e utilizzerà la versione definitiva di ISizeYou a partire dal mese di ottobre. Scopri di più.

Sei curioso di sapere come stanno andando queste giornate a Lisbona? Seguici su Instagram

“Web

Vivi il Web Summit 2017 anche da casa, segui le conferenze live streaming.


Web Summit 2017, tutto quello che devi sapere! “Web

Si è conclusa con successo anche questa edizione del Web Summit che ha visto Lisbona popolarsi di migliaia di imprenditori, investitori, responsabili politici, leader aziendali, esperti di tecnologia provenienti da tutto il mondo.

Tanti sono stati gli argomenti trattati, ma quello che emerso tra i dubbi di Stephen Hawking e il robot Sophia che ha ottenuto la cittadinanza dell’Arabia Saudita è: esiste uno scopo per tutto questo? Una domanda esistenziale che non trova risposta, oppure un obiettivo da raggiungere?

Quest’anno al Web Summit l’intelligenza artificiale era davvero ovunque. Dalla tecnologia di riconoscimento gestuale e motorio di Heptasense, che potrebbe ad esempio consentire alle aziende di capire meglio come viene usato il loro spazio. «Possono essere informazioni su come le persone si muovono all’interno di un luogo preciso, oppure dati sul volto, sull’età, sul sesso, sulle dimensioni, ma anche sui comportamenti: che cosa una persona sta facendo in un contesto particolare, se sta facendo qualcosa di pericoloso» ha detto il fondatore di Heptasense; fino alla tecnologia smart per il fitness, una sorta di coach che impara mentre ci si allena e consiglia il modo migliore di farlo, senza dover portare a spasso a Laika, il cane-robot intelligente che non ha bisogno di uscire a far pipì.

Ma si è parlato anche di advertising e fake news.
Creatività e fiducia sembrano essere ulteriori elementi di debolezza del sistema pubblicitario attuale secondo i big dell’advertising che minano la sostenibilità del sistema. «La gente continua ad odiare gli annunci, li trova invasivi, poco intuitivi e attraenti – spiega ancora Zawadzki – mentre la pubblicità dovrebbe rispondere e assecondare i bisogni umani. Dobbiamo cercare di costruire il marketing che la gente ama, instaurare un rapporto di fiducia”. Il marketer lancia un appello: “dobbiamo parlare di pubblicità più che possiamo, cosa ci piace, cosa no, cosa vogliamo, cosa ci serve…».
Ma fra intelligenza artificiale e pubblicità sostenibile, una cosa è certa: oggi non riuscire a digitalizzare il proprio business è un po’ come se si cercasse di fare affari in un paese straniero ostinandosi a parlare solo la propria lingua, anche se non si viene capiti, ma probabilmente nemmeno ascoltati.

Per noi è stata l’occasione di presentare ISizeYou, una tecnologia accessibile tramite una App ed un modulo PrestaShop, che permettono di raccogliere le misure corporee fondamentali per creare un profilo virtuale, e di utilizzarlo nella comparazione delle taglie e nella ricerca del fit migliore. “Web “Web Per guardare il video della presentazione di ISizeYou, clicca qui.

Sono già aperte le pre-registrazioni al Web Summit 2018… ci saremo anche il prossimo anno con nuovi progetti? Dovete seguirci per scoprirlo!